Resoconto attività Sindaco Vogogna

Cari concittadini,
nelle pagine di seguito troverete il resoconto amministrativo della legislatura che si conclude con le elezioni municipali del prossimo 12-13 giugno. Viene qui riassunto un lavoro intenso, appassionato e concreto che l’Amministrazione che ho avuto l’onore di presiedere ha svolto in questi cinque anni, con l’unico obiettivo di corrispondere al largo ed impegnativo mandato elettorale da Voi ricevuto cinque anni fa. Dietro alle cifre e alle parole – che credo attestino uno sforzo rilevante compiuto dall’intera comunità vogognese per migliorarsi e crescere – c’è sempre stata un’anima, una prospettiva, una speranza: quella di lavorare non per opere fini a sé stesse, ma per fare di Vogogna quel paese migliore che era nella vetta delle speranze e delle ambizioni della Sua cittadinanza. A Voi, nel sereno e libero dibattito democratico, il giudizio dell’operato fatto attraverso il voto. Come sapete, queste elezioni saranno anche l’occasione nella quale “passerò la mano” ad un altro Sindaco, a seguito delle prescrizioni di legge che impediscono di candidarsi a Sindaco dopo due mandati consecutivi.
Desidero pertanto ringraziare tutti coloro che in questi nove anni mi sono stati al fianco, che hanno collaborato con me, che mi hanno fatto sentire parte di una comunità attiva che desidera progredire insieme.
In questi nove anni “passati con l’elmetto in testa”, sempre in trincea a combattere per il mio Paese, ho conosciuto il volto vero di Vogogna, che mi ha arricchito enormemente sotto il profilo umano, e ho cercato di corrispondere alle ansie, alle attese e alle speranze dei Vogognesi che si riversavano su di me con un supplemento di passione, di intensità nel lavoro, di tenacia per superare le difficoltà e cercare di fornire risposte ai miei cittadini. Ci sono molti modi per ricordare l’operato di qualcuno. 
Spero che il mio operato di Sindaco di Vogogna possa essere ricordato secondo la definizione che un giorno Gianni Agnelli diede degli “uomini Fiat”, cioè di “quelli che non si prendono mai eccessivamente sul serio, che prendono terribilmente sul serio quello che devono fare, che non danno eccessivo peso a quello che gli altri dicono di loro”.
Ho cercato di essere il Vostro Sindaco così: senza prendermi mai troppo sul serio, prendendo terribilmente sul serio il lavoro per Vogogna, non prestando orecchi ad adulatori interessati o detrattori preconcetti,ma sforzandomi di ascoltare il cuore vero del mio Paese. Se sono stato all’altezza, lo giudicherete Voi.

Maggio 2004 – Enrico Borghi

FOGNATURE E ACQUEDOTTO

L’attività di risanamento, potenziamento e ampliamento delle reti fognarie e acquedottistiche è stata una delle principali azioni dell’attività amministrativa nel corso della legislatura, ed è stata condotta seguendo una precisa pianificazione degli interventi concepita subito dopo le elezioni del 1995.
Un’azione che ha consentito al nostro paese di recuperare un gap consistente in termini di reti, e che ha permesso a Vogogna di raddoppiare la propria capacità in termini di acquedotto (la rete è passata dai 13 km del 1994 ai 27 km odierni con un aumento consistente anche delle capacità di carico) e di triplicare la propria rete fognaria (dai 3 km di rete del 1994 ai 9 km di rete attuale).
L’aumentata capacità di carico dei bacini e l’efficienza della rete che ha ridotto di molto gli sprechi hanno consentito di garantire un’erogazione migliore sia sotto il profilo qualitativo che quantitativo anche in presenza di un consistente incremento (+76%) degli utenti, che sono passati dai 633 del 1993 agli 829 del 2004.
L’azione puntuale mostrata nella circostanza è stata comprovata anche dal fatto che nel corso della torrida estate del 2003, che ha messo a dura prova molti comuni viciniori, il Comune di Vogogna non ha dovuto né interrompere l’erogazione dell’acqua né fare ricorso a mezzi straordinari di approvvigionamento.
Nel dettaglio, gli interventi realizzati nel corso della legislatura sono stati:

FOGNATURA VIA MADONNA DELLE GRAZIE

Intervento realizzato nel corso del 1999, ha consentito la posa di 1.450 metri di tubature acquedottistiche e fognarie nella zona di Dresio “alta”, oltre alla posa delle relative tombinature.
Importo complessivo: € 170.000

FOGNATURA CALAMI E PRATA

Intervento realizzato nel corso del 1999, ha consentito la posa di 850 metri di tubature acquedottistiche nelle due frazioni, oltre alla posa delle relative tombinature.
Importo complessivo: € 180.000

FOGNATURA GENESTREDO

Intervento realizzato a cavallo tra il 2002 e il 2003, ha garantito la posa di tubature acquedottistiche e di impianto di debatterizzazione destinato a servire la frazione di acqua potabile, oltre alla posa di condutture fognarie bianche e nere.
Importo complessivo: € 137.000

FOGNATURA DI VIA CASE PRATINI

Intervento già appaltato e attualmente in corso, garantirà la posa di tubature acquedottistiche e di condutture fognarie bianche e nere nella frazione, oltre al ripristino del selciato.
Importo complessivo: € 66.000

REALIZZAZIONE NUOVO BACINO VOGOGNA CENTRO

Tra il 2003 e il 2004 abbiamo provveduto a costruire –attraverso anche un attento inserimento paesaggistico del manufatto- il nuovo bacino idrico per l’abitato di Vogogna centro, sostituendo definitivamente quello esistente al fine di migliorare la prevalenza idrica sulla rete asservita al centro del paese.
Importo complessivo: € 103.000

MANUTENZIONE GENERALE ACQUEDOTTO – I^ LOTTO

Intervento realizzato nel corso del 1999, ha consentito una serie di interventi sparsi e puntuali di manutenzione straordinaria della rete.
Importo complessivo: € 15.000

MANUTENZIONE GENERALE DELL’ACQUEDOTTO – II^ LOTTO

Intervento realizzato nel corso del 2001, ha consentito la posa di tubature acquedottistiche e rivisitazione generale del valvolame usurato, con particolare riferimento ai tratti di impianto siti in zona Rivamonte e San Rocco.
Intervento complessivo: € 45.000

RISANAMENTO GENERALE DELL’ACQUEDOTTO – I^ LOTTO

Lavoro realizzato nel corso degli anni 1999 e 2000, ha garantito una serie di interventi di risanamento dei bacini idrici e di parte delle tubature esistenti in diverse parti del territorio comunale.
Importo complessivo: € 175.000

RISANAMENTO GENERALE DELL’ACQUEDOTTO – II^ LOTTO

Intervento realizzato nel corso del 2003, ha consentito di lavorare su numerose tubature esistenti, con particolare riguardo al rione Calami, con sostituzione di tubature macerate, posa di nuove, sostituzione valvolame e posizionamento filtro.
Intervento complessivo: € 50.000

CENTRALINA RIO ARSA

Insieme con i Comuni dell’ex Consorzio Acque Reflue, il Comune di Vogogna ha partecipato pro-quota alla realizzazione della nuova centrale idroelettrica sul Rio Arsa in Comune di Pieve Vergonte, investimento da poco concluso ed entrato in funzione che garantirà una produzione di energia idroelettrica a favore dei nostri territori e una maggiore capacità di captazione idrica in futuro. Intervento complessivo pro-quota: € 200.000

TOTALE DEGLI INVESTIMENTI NEL COMPARTO IDRICO: € 1.141.000

Costituzione società “Servizi Ecologici dell’Ossola s.p.a.”

Va ricordato che a seguito della nuova legge di settore, dall’anno 2003 i Comuni hanno perso le competenze dirette nel settore, che devono essere esercitate mediante società, sia pubbliche che private.
A seguito di ciò lo Stato e la Regione hanno smesso di concedere contributi nel settore, dovendosi il comparto per legge autofinanziarsi attraverso le tariffe.
Il Comune di Vogogna, unitamente ai Comuni di Villadossola, Beura Cardezza, Pallanzeno, Piedimulera e Pieve Vergonte, ha pertanto deciso di dare vita ad una specifica società pubblica, la “Servizi Ecologici dell’Ossola s.p.a.” alla quale spettano per legge le competenze e gli investimenti. Al Comune spetteranno compiti di indirizzo e di controllo. 
Quella della società pubblica è stata una scelta per cercare di contenere il più possibile le tariffe, ed evitare che mediante una privatizzazione radicale i Comuni perdessero del tutto il controllo di un settore strategico e di assoluta importanza per i diritti dei cittadini.

RIASSETTO IDROGEOLOGICO

E’ stato un campo nel quale l’amministrazione ha lavorato con intensità, cercando di recuperare il più possibile contributi a fondo perduto dalla Regione Piemonte per la realizzazione di interventi per la messa in sicurezza degli abitati. Ma prima dei singoli interventi, desideriamo ricordare come nel corso dell’alluvione dell’ottobre 2000 il Comune sia stato fin dall’inizio aperto con un presidio durato ininterrottamente tre giorni, al fine di venire incontro alle numerose problematiche di quelle ore, e per essere punto di riferimento –oltre che degli amministratori- di tutti i cittadini e dei volontari che hanno prestato la loro opera e che desideriamo ringraziare. Successivamente a quel lavoro, che consentì l’evacuazione in maniera ordinata e sicura di alcuni nuclei famigliari durante l’evento alluvionale più acuto in stretto contatto con la Prefettura, sono state garantite ed esperite dal Comune tutte le formalità per il rimborso dei danni ai cittadini che hanno presentato richiesta.
Analoga attività di presidio, monitoraggio, informazione e coinvolgimento della popolazione è stata svolta, anche con l’organizzazione di squadre specifiche di volontari e di una prova di simulazione di evacuazione, nel corso dell’estate 2002 a seguito della nota emergenza del “Lago Effimero” di Macugnaga, nonché nel corso dell’incendio sulle montagne di Dresio della scorsa estate.
Nel dettaglio, gli interventi realizzati nel corso della legislatura sono stati i seguenti:

REALIZZAZIONE PIANO DI RIASSETTO IDROGEOLOGICO COMUNALE

A seguito delle disposizioni di legge, nell’ambito del nuovo Piano Regolatore Comunale, si è provveduto a redigere un apposito e puntuale piano di riassetto idrogeologico comunale, che ha mappato e classificato l’intero territorio comunale sotto il profilo della sicurezza e della messa in sicurezza di fabbricati e terreni sulla scorta delle simulazioni di alluvione. Un documento importante, che consentirà di poter edificare in futuro con cognizione di causa e secondo parametri di sicurezza stabiliti dalla legge. Importo intervento: € 17.000

LAVORI DI PRONTO INTERVENTO ALLUVIONE 2000

A seguito dell’alluvione dell’ottobre 2000, sono stati disposti una serie di interventi di pronto intervento che hanno garantito la messa in sicurezza dell’abitato di San Carlo (con la bonifica di un movimento franoso), la realizzazione di alcuni muri di contenimento sulla strada per Genestredo e alcune operazioni di disalveo e di ripristino di condotte idriche, oltre ad alcuni tratti di asfaltatura in Vogogna centro e Prata. Importo intervento: € 31.000

LAVORI DI RIPRISTINO POST ALLUVIONALE

Con questi lavori, si è provveduto alla messa in sicurezza della testata alta del rio San Carlo in frazione Genestredo in prossimità del circolo della frazione (intervento che ha evitato il possibile franamento dell’intera struttura e l’intasamento del rio San Carlo dopo il collasso in rio del muro di contenimento su cui poggiavano le fondamenta del circolo), nonché la posa di alcune reti para massi in località Valleggia a seguito del verificarsi di alcuni fenomeni di distacco di materiale dal versante e la pulizia e drenaggio dell’intero canale scolmatore che corre in prossimità del rilevato ferroviario in Vogogna centro e delle tombinature che attraversano la ferrovia garantendo lo smaltimento delle acque prodotte in questa zona. Importo intervento: € 205.000

CANALE SCOLMATORE ZONA SAN CARLO – I^ LOTTO

Si è provveduto a realizzare il primo pezzo del canale scolmatore di gronda a protezione dell’abitato di San Carlo, al fine di risolvere l’annoso problema dell’allagamento della zona in caso di piogge insistenti. Con l’occasione, è stata posata anche la rete acquedottistica per servire l’abitato di Giavinello. Importo intervento: € 150.000

CANALE SCOLMATORE ZONA SAN CARLO – II^ LOTTO

E’ stato acquisito il finanziamento e successivamente le autorizzazioni di legge per il secondo lotto di tale intervento, che consentirà di drenare e smaltire tutte le acque montane della zona sovrastante San Carlo all’interno del canale scolmatore del cimitero. L’intervento, che potrà essere appaltato nelle prossime settimane, consentirà anche la bonifica dell’area dell’ex carrozzeria “Zoppis”, con l’abbattimento del fatiscente manufatto oggi presente. Importo intervento: € 103.000

MESSA IN SICUREZZA RII DRESIO E CHIESA

E’ stato acquisito dal Comune il finanziamento concesso dalla Regione per un progetto di messa in sicurezza dei rii Dresio e Chiesa, intervento che –su indicazioni della Regione stessa- è stato delegato alla Comunità Montana “Valle Ossola”. Una serie di traversie legate all’impresa aggiudicataria dell’appalto hanno rallentato il corso dell’intervento, che oggi può riprendere a seguito dell’avvenuta rescissione da parte della Comunità Montana del contratto e l’affidamento a nuova ditta garantendo un intervento che consentirà la pulizia delle briglie sul Rio Dresio e alcuni interventi di miglioramento d’alveo dei due riali principali del nostro paese. Importo intervento: € 413.000

BRIGLIA SELETTIVA SUL RIO CHIESA

E’ stato acquisito dal Comune il finanziamento concesso dalla Regione per un progetto (attualmente in fase di stesura) di realizzazione di una briglia selettiva sul rio Chiesa in prossimità dell’abitato di Genestredo, manufatto che consentirà di trattenere a monte il materiale che oggi scivola a valle in caso di eventi alluvionali o di piogge insistenti e che aumenterà pertanto la sicurezza dell’abitato di Vogogna centro. Importo intervento: € 250.000

TOTALE DEGLI INVESTIMENTI NEL COMPARTO IDROGEOLOGICO: € 1.169.000

SCUOLE

E’ proseguita nel corso della legislatura la robusta azione avviata nel 1995 a sostegno del comparto scolastico vogognese, considerato dall’amministrazione comunale uno degli elementi centrali per lo sviluppo del nostro paese. Si è pertanto sviluppata un’azione pressoché quotidiana di contatti con il dirigente scolastico prof. Candido (che desideriamo nella circostanza ringraziare per la professionalità e la passione mostrata nell’espletamento delle funzioni che hanno consentito l’ulteriore miglioramento qualitativo dei servizi scolastici erogati dall’Istituto Scolastico comprensivo “Dalla Chiesa”), con gli operatori e gli organismi collegiali dell’Istituto.
Ciò ha consentito una continua azione di manutenzione e sistemazione degli edifici, oltre ad una costante azione di cooperazione alle attività didattiche.
Nel dettaglio, gli interventi realizzati sono stati i seguenti:

INTERVENTI STRAORDINARI EDIFICI SCOLASTICI

Si è provveduto ad una serie di interventi:

    •    consolidamento delle strutture, sostituzione delle coperture e dei serramenti presso la Scuola Media
    •    eliminazione tetto in eternit, sostituzione di serramenti e rifacimento impianti sanitari presso la Scuola Elementare
    •    sostituzione dei serramenti presso la Scuola dell’Infanzia
    •    posa pannelli fonoassorbenti presso la Scuola dell’Infanzia
Importo complessivo: € 75.000

TINTEGGIATURA SCUOLE ELEMENTARI

Si è provveduto a ritinteggiare per intero le Scuole Elementari, al termine di un percorso di radicale ristrutturazione dell’immobile che è stato praticamente riattato in ogni sua parte, sostituire integralmente i serramenti ormai vetusti e mettere in sicurezza l’area verde antististante alle scuole.  Importo complessivo: € 57.000

OTTENIMENTO AGIBILITA’ SCUOLE

Si è provveduto ad una serie di interventi, alcuni dei quali attualmente in corso (rifacimento avvolgibili a scopo impermeabilizzazione, posa nuove veneziane e messa a norma impianto elettrico) che hanno consentito l’ottenimento dell’agibilità e del certificato di prevenzione incendi per tutti gli edifici scolastici, incrementando in tal modo la sicurezza degli alunni e la qualità del servizio reso. 
Nei prossimi giorni si provvederà anche alla realizzazione di aiuole verdi e asfaltatura del piazzale antitante le scuole medie con recinzione dell’area della scuola materna.
 Importo complessivo: € 63.000

RIPARAZIONE SCUOLABUS

A seguito di un incidente occorso al nuovo scuolabus comunale, l’amministrazione ha provveduto a garantire il mantenimento dell’erogazione del servizio, e a far riparare il mezzo incidentato che ha potuto riprendere così la sua piena funzionalità.
 Importo intervento: € 21.000

TOTALE DEGLI INVESTIMENTI NEL COMPARTO SCOLASTICO: € 216.000

CIMITERI

E’ proseguita l’azione di continua manutenzione e pulizia dei cimiteri di Vogogna centro e Prata, e sono stati realizzati i seguenti investimenti:

RESTAURO CHIESA DEI FRATI SERVITI

Il 1° novembre 1999 è stata restituita al culto la storica chiesa dei frati serviti del cimitero di Vogogna, al termine di un programma di restauro che ne ha garantito il ritorno alla funzionalità mediante il consolidamento della struttura e il totale rifacimento della copertura.
 Importo intervento: € 125.000

RIFACIMENTO VIALE CIMITERO PRATA

Nel 2001 si è provveduto a rifare l’ingresso e i vialetti interni del cimitero di Prata, con la posa di una nuova selciatura migliorativa del contesto.
 Importo intervento: € 5.000

TOTALE DEGLI INVESTIMENTI NEL COMPARTO CIMITERIALE: € 130.000

CENTRO STORICO

E’ proseguita intensamente nel corso della legislatura il recupero e la valorizzazione del nostro Centro Storico, autentico elemento caratterizzante di Vogogna.
L’azione dell’Amministrazione Comunale ha indotto una positiva reazione da parte di numerosi privati, che si sono attivati spontaneamente per effettuare interventi di manutenzione, ristrutturazione, tinteggiatura e restauro di numerosi fabbricati, con rifacimento delle coperture e ripristino di coperture in beola.
Oggi il Centro Storico vogognese non è più un angolo di degrado e di nostalgia, ma al contrario si sta giorno per giorno rivitalizzando (anche con l’attivazione di interventi quali Palazzo Arcangeli e le gallerie d’arte “Luca De Regibus” e “Wesch”) e altri progetti di valorizzazione da parte di singoli privati sono già stati consegnati e autorizzati dagli uffici comunali.
Il paese di Vogogna ha saputo, su questa importante partita, fare “sistema”, integrando gli sforzi di pubblico e privato e facendo conseguire al Paese un significativo passo in avanti.
L’azione dell’amministrazione comunale in questo settore si è sostanziata in una serie di fondamentali risultati che fanno del nostro Centro Storico un autentico “centro direzionale” in grado di attirare attenzione e conseguentemente investimenti quali:

Vogogna sede del Parco Nazionale della Valgrande

Il centro storico vogognese ospiterà la sede del Parco Nazionale della Valgrande, dopo un lungo e delicato percorso di scelta che ha fatto sì – grazie all’azione politica e diplomatica del nostro Sindaco uscente Enrico Borghi – che sulla proposta di Vogogna convergessero tutti i voti dei rappresentanti degli enti locali del Parco.
Un risultato importante, che è stato apertamente osteggiato e boicottato da ambienti politici e associazionistici verbanesi che con motivazioni pretestuose e strumentali hanno cercato di mettersi di traverso ad una soluzione che alla fine ha ottenuto il favore di tutti gli enti preposti nella lunga e delicata fase di concertazione istituzionale che ha visto l’espressione favorevole alla scelta di Vogogna –oltre che della Comunità del Parco Valgrande- della Regione Piemonte e del Ministero dell’Ambiente.
Un risultato che – ne siamo convinti – rappresenterà un autentico balzo in avanti per le prospettive di crescita e di sviluppo di Vogogna, capitale dell’Ossola Inferiore.
E che consentirà di recuperare integralmente Villa Biraghi, il più importante gioiello architettonico vogognese, sottratta ad qualsiasi rischio di speculazione edilizia ma salvaguardata nella sua interezza attraverso l’apposizione del vincolo della Soprintendenza richiesto dal Comune e passata di proprietà pubblica comunale e fra poco più di un anno completamente restaurata.

Recupero del Castello e avvio del Centro Multimediale

I cinque anni di questa legislatura hanno visto completato il massiccio intervento di salvaguardia e restauro del nostro più importante e significativo monumento, che è diventato meta di migliaia di turisti durante l’intero arco dell’anno (soprattutto nella stagione estiva) grazie anche alle numerose esposizioni ed iniziative organizzate sia dall’Amministrazione Comunale che dalle associazioni del paese.
Contestualmente, è proseguita l’iniziativa che ha consentito di recuperare significative risorse finanziarie da Regione Piemonte, Unione Europea e Fondazioni bancarie (Cariplo e Crt) per avviare il progetto del Centro Multimediale del Castello, un’iniziativa già finanziata e che consentirà al nostro più importante monumento di diventare meta di turisti, scuole, grande pubblico secondo una modalità realizzata per la prima volta al British National Museum di Londra e che coniuga tradizione e innovazione. 
Grazie al Centro Multimediale (che sarà realizzato con tecnologie assolutamente leggere e per nulla impattanti con il contesto storico, anzi valorizzandone le qualità e i pregi secondo un progetto già approvato dalla competente Soprintendenza) sarà possibile uscire dalla mentalità vecchia e conservatrice del museo statico e immutabile che alla fine interessa solo pochi per entrare in quella innovatrice del museo virtuale che ogni volta presenta tematismi nuovi e interessanti, e quindi ogni volta in grado di attrarre nuovi visitatori. Un Centro che costituirà un punto di riferimento per tutte le scuole del territorio, ad iniziare dal quelle di Vogogna, e che garantirà ai giovani vogognesi un elemento oggi indispensabile per il loro futuro: l’accesso gratuito ad Internet. 
E’ una straordinaria opportunità, che valorizzerà ulteriormente il nostro principale monumento e farà parlare di Vogogna in Italia, in Europa e nel mondo, creando anche nuove opportunità culturali, formative con qualche riflesso anche sotto il profilo economico-occupazionale.

Decollo dello Sportello Unico per le Attività Produttive presso Villa Biraghi

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive Bassa Ossola è un ufficio associato, costituito mediante il convenzionamento di 14 Comuni e 3 Comunità Montane, per una popolazione complessiva pari a circa 22.000 abitanti, con comune capofila Vogogna, a seguito dell’avvenuto decentramento agli enti locali comunali, di alcune procedure amministrative, in precedenza assegnate ad enti diversi. Trova sede presso Villa Biraghi, ed è diventata il punto di riferimento degli operatori economici e del professionisti del territorio circostante.
Le funzioni dello Sportello Unico per le Attività Produttive sono quelle di consulenza, organizzazione e coordinamento amministrativo, semplificazione procedimentale, e di promozione dello sviluppo del sistema economico locale attraverso azioni di marketing territoriale, ponendosi al servizio delle imprese che operano sul territorio o che vogliono insediarvisi. 
Lo sportello unico è competente per il rilascio dell’autorizzazione unica, necessaria per realizzare, ristrutturare, ampliare, mutare, o eseguire opere interne ad impianti produttivi (intesi come attività industriali, artigianali, commerciali, agricole, turistico, ricettive, bancarie ecc. dirette alla produzione di beni ed alla prestazione di servizi), senza la quale tutti gli atti emessi, da singole amministrazioni, sono inefficaci.
Lo sportello unico struttura responsabile del procedimento garantisce l’unicità e la celerità del procedimento di autorizzazione, adottando le misure necessarie affinchè il procedimento si concluda nei termini previsti (90 giorni procedimento semplificato, 45 giorni procedimento autocertificato).
Oltre ai vantaggi summenzionati, lo Sportello unico garantisce anche un controllo preventivo del territorio, attraverso l’acquisizione di tutte le autorizzazioni/pareri necessari per lo svolgimento di attività produttive.
L’ufficio è attivo dal Luglio 2001, e nel corso dell’anno 2003 si è occupato di una sessantina di pratiche, delle quali, quelle pervenute a conclusione, hanno un tempo medio pari a 59 giorni.
Per quanto riguarda le azioni di promozione del territorio, la creazione della rete territoriale degli sportelli ha garantito il consolidamento delle relazioni istituzionali e lo sviluppo della capacità di fare sistema tra i Comuni Associati della Bassa Ossola. 
Lo Sportello unico della Bassa Ossola ha svolto un’importante ruolo di “catalizzatore” di risorse per lo sviluppo locale promuovendo, attraverso il coinvolgimento dei Comuni della gestione associata, la presentazione unitaria di progetti di promozione del territorio (ad esempio il Progetto Integrato d’Area – promosso dalla Provincia e dalla Regione per l’accesso ai fondi strutturali dell’U.E., il Progetto Leader Plus per l’utilizzo di risorse dell’U.E. attraverso il Gruppo d’Azione Locale – Progetti di formazione del personale della pubblica amministrazione e il progetto Focus di promozione delle attività ricettive).

Sede del Consorzio Filiera Forestale del VCO

Villa Biraghi è inoltre, da un anno, la sede provinciale del Consorzio Filiera Forestale del VCO, l’organismo pubblico al quale aderiscono molti enti locali della nostra provincia e che è deputato all’organizzazione della gestione del patrimonio boschivo e forestale. Nel dettaglio gli investimenti realizzati per conseguire simili risultati sono stati i seguenti:

ACQUISTO E RISTRUTTURAZIONE VILLA BIRAGHI-LOSSETTI

Suddiviso in due lotti, di cui il primo già conclusosi e il secondo in esecuzione, l’intervento ha consentito l’acquisizione dell’immobile da parte del Comune di Vogogna secondo un accordo di programma sottoscritto con la Regione Piemonte – Assessorato al Turismo – e il Ministero dell’Ambiente –Servizio Conservazione della Natura- che prevede al termine degli interventi di restauro la concessione dell’immobile all’Ente Parco Nazionale Valgrande come sede amministrativa per 99 anni. 
L’intervento in questione interesserà anche la sistemazione del parco della villa e completerà la bonifica di questa zona di centro storico. 
Importo complessivo intervento: € 1.878.000

RESTAURO DEL CASTELLO – ULTIMO LOTTO

L’intervento, completato nel 2000, ha consentito la realizzazione delle strutture verticali e orizzontali, la creazione dell’impianto elettrico, il consolidamento e recupero funzionale della torre quadrata, il posizionamento di un ascensore e la creazione di una nuova sala riunioni inaugurata ufficialmente con una cerimonia pubblica. Importo intervento: € 440.0000

ILLUMINAZIONE CARATTERISTICA CENTRO STORICO

Nel 2001 si è provveduto a sostituire integralmente l’impianto di illuminazione nella zona del centro storico, con la posa di un nuovo impianto ornamentale completamente a norma in grado di esaltare anche la qualità architettonica della zona. Importo intervento: € 25.000

CONSOLIDAMENTO CASA TEATRO

Si è provveduto –dopo l’intervento di recupero già realizzato la scorsa legislatura- ad un intervento di consolidamento statico dell’intero edificio della Casa Teatro, mediante la realizzazione di travi e tirantature con trefoli d’acciaio che ne hanno bloccato il processo di collassamento avviato. L’intervento ha dato la possibilità di rendere agibile la struttura, che oggi è la “Casa delle Associazioni” presso la quale trovano spazio il Progetto Giovani, l’Unione Sportiva Vogognese, il Gruppo Alpini e l’Ossola Fly Team. Importo intervento: € 13.000

CREAZIONE CENTRO MULTIMEDIALE DEL CASTELLO

L’intervento – già finanziato – è suddiviso in due parti, una prima infrastrutturale che consentirà la realizzazione dell’impianto di riscaldamento sezionato del Castello e della posa degli impianti hardware, e una seconda immateriale che consentirà il caricamento dei programmi informatici funzionali all’avvio dell’iniziativa. 
Attualmente sono in corso le progettazioni, essendo i fondi già stati inseriti nel bilancio comunale del 2004. Importo intervento: € 595.000

TOTALE INTERVENTI NEL COMPARTO CENTRO STORICO: € 2.951.000

VIABILITA’, ARREDO URBANO E URBANIZZAZIONI

E’ uno dei comparti sui quali l’Amministrazione Comunale in questi cinque anni ha prodotto i massimi sforzi, nella consapevolezza di dover corrispondere alle esigenze di una viabilità sempre più efficace e di una gradevolezza dell’aspetto estetico del paese.
Per questo motivo si è proceduto ad interventi mirati che hanno da un lato risolto alcuni problemi strutturali di Vogogna (i parcheggi del centro storico, i marciapiedi in via Nazionale) e dall’altro hanno decisamente migliorato la qualità ambientale e paesaggistica del nostro borgo. Gli interventi nel dettaglio sono stati i seguenti:

REALIZZAZIONE NUOVI PARCHEGGI CENTRO STORICO

Si è proceduto a realizzare un intervento nell’area più centrale del paese, che ha consentito la bonifica di una zona precedentemente degradata e impattante e ha garantito la creazione di nuovi box coperti per i residenti del centro storico, oltre ad un nuovo parcheggio a raso ad uso pubblico curando con grande attenzione l’inserimento ambientale e paesaggistico del manufatto oltre che la realizzazione delle opere.
L’intervento è entrato in funzione nel 2001.
Importo intervento: € 540.000

RIFACIMENTO VIALE RIMEMBRANZE E PIAZZA DELLA CHIESA A PRATA

A cavallo tra il 1999 e il 2000 si è provveduto a ripavimentare integralmente il Viale delle Rimembranze a Vogogna e la principale piazza di Prata, di fronte e a fianco della chiesa e del monumento ai caduti, con la posa di selciati in pietra in luogo del precedente asfalto. 
L’intervento ha consentito anche il rifacimento degli impianti di illuminazione, delle aree verdi e ha consentito la realizzazione di una area attrezzata nella salita del Castello.
Importo intervento: € 265.000

RESTAURO PIAZZE PRATINI E STEFFANINA

Completata recentemente, l’opera ha consentito la riqualificazione urbana delle piazze principali del paese, con il rifacimento dell’impianto di pubblica illuminazione e la realizzazione di un dosso rallentatore lungo la via Nazionale che aumenterà la sicurezza della zona, già oggetto in passato di numerosi incidenti.
Importo intervento: € 258.000

NUOVA AREA PARCHEGGI VOGOGNA CENTRO

Nella fatiscente area ex proprietà Goio, tra la via Nazionale e la via Sotto le Mura, è stato realizzato un nuovo posteggio di oltre venti posti auto al servizio della zona e del centro storico con un intervento che ha effettuato anche la bonifica di un’area ormai degradata.
Importo intervento: € 84.000

CREAZIONE MARCIAPIEDI VIA NAZIONALE

Si è provveduto alla creazione di un nuovo tratto di marciapiedi in serizzo locale nel tratto di via Nazionale fino ad oggi sguarnito, tra la piazza Steffanina e la confluenza via Lossetti Mandelli- via Nazionale.
Importo intervento: € 150.000

CREAZIONE ISOLA PEDONALE VIA ROMA

Si è provveduto –attraverso una concertazione con i residenti- a istituire l’isola pedonale di Via Roma, con traffico limitato ai proprietari di immobili e ai mezzi di soccorso, posizionando una serie di elementi di arredo urbano che hanno migliorato in tal modo la gradevolezza e la fruizione della più bella via del paese. Importo intervento: € 28.000

STRADA PER CAVE CREMOSINA

Sono iniziati i lavori per la realizzazione della strada per l’Alpe Cremosina, al termine di un lungo e complesso percorso di autorizzazioni che ha visto tutti gli enti interessati rilasciare il proprio parere favorevole. 
L’intervento in questione consentirà anche il collegamento viario della zona alta delle Colorie, ha già realizzato un allargamento della viabilità ordinaria attuale e ha consentito il recupero di una porzione di terreno che sarà adibito –al termine delle opere – a nuovo posteggio al servizio della zona di Case Pratini. 
L’intervento consentirà, ovviamente, il riavvio delle cave comunali della Cremosina, oltre che la bonifica dei versanti, la valorizzazione forestale e boschiva della montagna e il collegamento con l’Alpe Marona.
Importo intervento: € 2.615.000

ALLARGAMENTO E MIGLIORAMENTO STRADA COLORIE

E’ un appendice del progetto della strada per la Cremosina, e consentirà l’ulteriore sistemazione e allargamento della attuale viabilità ordinaria i cui importi sono stati stanziati nel bilancio 2004 e sono in fase di progettazione.
Importo intervento: € 202.000

ASFALTATURA STRADE COMUNALI

E’ l’ultimo intervento in ordine di tempo, appaltato da pochi giorni, consentirà la bitumatura integrale dell’intero tratto di Via Balmerio a Prata, l’asfaltatura con posa delle fognature per acque bianche e abbattimento della ex cabina elettrica Pro Colloro in via Vietti Violi a Vogogna e la sistemazione del tratto stradale in zona Resiga a Dresio. Importo intervento: € 75.000

TOTALE INTERVENTI NEL COMPARTO VIABILITA’ E ARREDO URBANO: € 4.217.000

SPORT E IMPIANTISTICA SPORTIVA

Anche in questo settore l’Amministrazione si è sforzata di venire incontro alle esigenze degli sportivi e delle associazioni, attraverso una serie molteplice di iniziative.
Riassumendo possiamo citare:

    •    la creazione e concessione delle sedi a tutte le associazioni sportive del paese (Unione Sportiva Vogognese, Società Calcio Vogogna, Società Bocciofila Vogognese, Unione Sportiva Pratese – in coordinamento per quest’ultima con la Latteria Sociale di Prata) le quali hanno oggi tutte il loro spazio fisso ed autonomo per riunioni, incontri e attività sociale
    •    la concessione del campo da calcio alla Società Calcio Vogogna
    •    la concessione della palestra comunale all’Unione Sportiva Vogognese
    •    la concessione del bocciodromo comunale alla Società Bocciofila Vogognese
    •    la concessione dell’area sportiva di Prata (a seguito di accordo con la Parrocchia di Prata) all’Unione Sportiva Pratese
    •    la concessione gratuita al Gruppo Arcieri del Castello per le esibizioni di tiro con l’arco
    •    la realizzazione di lavori di manutenzione straordinaria presso lo stadio comunale “Bonomini” di Vogogna (rifacimento recinzioni, adeguamento spogliatoi con sostituzione porte interne, sostituzione caldaia e tinteggiatura)
    •    la creazione di un nuovo parcheggio di 200 posti auto al servizio del centro sportivo
    •    il perfezionamento delle pratiche per il corretto inserimento catastale degli impianti sportivi
    •    l’omologazione degli impianti elettrici, della tribuna e della copertura della tribuna dello stadio comunale “Bonomini”
    •    l’organizzazione dell’amichevole calcistica Torino-Rappresentativa Ossolana
Sotto il profilo infrastrutturale, si è proseguito nell’opera di realizzazione del centro sportivo dei Calami secondo il progetto originario e si è sistemata la palestra comunale, con i seguenti interventi:

COIBENTAZIONE DELLA PALESTRA COMUNALE

Si è effettuata la posa di uno strato di coibentazione anti condensa con miglioramento dell’impermeabilizzazione del tetto della palestra, intervento che ha risolto i problemi di umidità e di infiltrazioni dell’impianto sportivo.
Importo intervento: € 17.000

ILLUMINAZIONE CAMPO DA CALCIO STADIO “BONOMINI”

Si è provveduto alla realizzazione del nuovo impianto di illuminazione del campo di calcio mediante posa di quattro torri faro, con contestuale sostituzione del precedente impianto elettrico.
Importo intervento: € 60.000

COPERTURA BOCCIODROMO COMUNALE

Si è proceduto alla posa di copertura prefabbricata amovibile a copertura del bocciodromo comunale, per consentire l’utilizzo continuativo dell’impianto e la migliore programmazione delle attività della Bocciofila Vogognese.
Importo intervento: € 26.000

TOTALE COMPLESSIVO COMPARTO SPORT: € 150.000

CASA DI RIPOSO “VILLA PRESBITERO”

INTERVENTI INFRASTRUTTURALI

Durante questi anni sono stati realizzati una serie di interventi volti al miglioramento di “Villa Presbitero” dal punto di vista strutturale. Alcuni interventi (quali ad esempio l’installazione del lavabo all’interno dell’ambulatorio o la sistemazione di alcuni locali quali bagni e camere) sono stati richiesti dall’ASL a seguito delle visite ispettive che periodicamente vengono effettuate dalla Commissione di Vigilanza. Altri interventi sono risultati determinanti per la sicurezza e degli ospiti e degli operatori inseriti presso la Casa di riposo (si pensi ad esempio alla messa a norma dell’impianto elettrico con le relativa messa a terra, oppure l’intervento di modernizzazione dell’ascensore).
La struttura è riuscita ad ottenere dai Vigili del fuoco il CPI (Certificato prevenzione Incendi) il cui rilascio ha inoltre consentito di sbloccare una rata di un vecchio finanziamento pari a circa #.29.000.000 che risaliva al 1986 e che la Regione non poteva erogare a causa della mancanza del CPI. Sempre in materia di prevenzione incendi va sottolinato che tutto il personale comunale e gran parte di quello appartenente alla cooperativa ha frequentato il Corso di formazione per Addetto antincendio

Oltre agli interventi strutturali di carattere per così dire straordinario, sono da considerare anche gli interventi riguardanti le manutenzioni ordinarie che comprendono tutti i contratti di manutenzione e costituiscono una parte ingente delle spese.

Per quanto concerne l’aspetto strutturale possiamo dire pertanto che se da un lato si è cercato di portare la struttura al rispetto di una serie di normative vigenti dall’altro gli interventi realizzati hanno avuto come obiettivo la sicurezza di coloro che in Casa di riposo vivono e lavorano.
Non da ultimo va inoltre ricordato l’intervento di ampliamento e ristrutturazione per l’adeguamento funzionale e strutturale della Casa di riposo in base a quanto previsto dalle normative più recenti. 
Il costo complessivo dell’intervento ammonta ad euro 920.000,00 (di cui parte finanziati direttamente dal Comune e parte ricavati da un contributo della Regione Piemonte). L’intervento è stato iscritto a bilancio 2004 del Comune, e in questi giorni si sta completando la progettazione esecutiva, che prevede al termine dell’intervento una struttura nuova per 40 ospiti.

SERVIZI DATI IN APPALTO

La decisione è stata quella di appaltare una serie di servizi quali ad esempio i servizi generali (pulizia, lavanderia ed il servizio di cucina) questa scelta ha rappresentato un salto qualitativo per il servizio erogato, basti ad esempio pensare che quando la cucina era gestita direttamente attraverso personale comunale, la sostituzione della cuoca nei suoi giorni di riposo veniva effettuata dal personale assistenziale (ADEST).
Anche per quanto concerne il servizio di assistenza si è deciso di rivolgersi a ditte esterne per la sostituzione di personale comunale:

    •    in cessato rapporto per pensionamento
    •    in passaggio da tempo pieno a part time (anno 2002)
    •    in maternità (anno 2003-2004).

ACQUISTO BENI

Migliorare il servizio significa anche rendere l’ambiente più vivibile sia dal punto di vista estetico che dal punto di vista funzionale. Questo sia per gli ospiti che devono vivere gli spazi della struttura sia per gli operatori che devono lavorare, ma soprattutto “lavorare bene”. 
A tal fine l’anno 2001 ha visto la struttura cambiare volto, ossia dotarsi di arredi più belli, ma soprattutto più sicuri e funzionali (letti articolati, materassi ignifughi ed antidecubito, materiali anallergici, ignifughi, nel rispetto degli standards in materia di sicurezza).
Nell’anno 2003 la Casa di riposo è stata oggetto di due finanziamenti ottenuti dalla Regione Piemonte e dalla “Fondazione Cariplo” a seguito della presentazione di due progetti. 
Tali finanziamenti, integrati con una piccola somma messa a disposizione dal “Comitato Villa Presbitero” hanno consentito di dotare la struttura di una serie di ausili di fondamentale importanza (quali ad esempio i corrimano posizionati lungo i percorsi della Casa di Riposo), di alcune attrezzature utili per ospiti e personale (quali ad esempio sollevatori elettrici e tutti gli arredi per la palestra).

FORMAZIONE

Rientra nella metodologia di lavoro della nostra Casa di Riposo considerare l’aggiornamento professionale come uno strumento inerente l’attività lavorativa di ogni operatore. 
Questo significa che pur avvalendosi di personale qualificato, si ritiene essere doveroso impegnarsi nel periodico aggiornamento degli operatori, al fine di sviluppare e consolidarne le competenze specifiche. Oltre ai corsi citati sopra che hanno comportato una spesa in termini economici, va sottolineato che il personale partecipa costantemente a momenti formativi gratuiti.

PERSONALE

PREMESSA

L’obiettivo di questi anni, in riferimento al personale, è stato quello di adeguare l’organico a quanto previsto dalla normativa vigente (DGR 41/95). 
Si è pertanto provveduto a dotare la struttura delle seguenti figure professionali:

    •    Responsabile del Servizio
    •    Infermiere Professionale. Il servizio infermieristico (previsto per 27 ore settimanali è attualmente erogato per 29).;
    •    Terapista della Riabilitazione;
    •    Animatore

CONCLUSIONI
Attualmente in struttura si mantiene il servizio infermieristico, mentre, al fine di contenere i costi, si è provveduto a diminuire il monte ore dedicate al servizio di fisioterapia e a sospendere il servizio di animazione è stato sospeso, che verrà prontamente ristabilito qualora verrà resa giustizia alla nostra struttura mediante la concessione della convenzione

ASPETTI ORGANIZZATIVI VOLTI AD UN MIGLIORAMENTO DEL SERVIZIO EROGATO

Durante questi anni si è provveduto ad attivare i seguenti interventi organizzativi, ritenuti migliorativi per quanto concerne la qualità del servizio erogato:

    • introduzione di un’unità in più durante il turno notturno: a partire dall’anno 2000 la notte in struttura è svolta da un ADEST con compiti di sorveglianza ed assistenza agli ospiti, e da un’operatrice della Cooperativa addetta al servizio di pulizie e lavanderia.
    •    Istituzione dell’ Unità di valutazione interna (UVI) con il compito di valutare l’idoneità o meno delle richieste di ricovero presso la Residenza. Tale Unità è composta dalle seguenti figure professionali:

    •    Medico
    •    Infermiera Professionale
    •    Direttrice
    •    Terapista della Riabilitazione.

    •    Visite di Pre ingresso gli ospiti vengono regolarmente visti al proprio domicilio o all’ospedale dalla direttrice e dall’infermiera professionale. Questo consente di acquisire una grande quantità di informazioni utili a predisporre il piano di assistenza, inoltre consente di rendere meno traumatico il distacco dell’anziano dalla propria abitazione favorendo il suo ingresso in struttura.

    •    Introduzione di un sistema di valutazione degli ospiti con il fine di valutare il grado di autosufficienza degli ospiti. Sono quindi compilate delle Scale di Valutazione in grado di stabilire il livello di compromissione funzionale degli anziani. Le scale utilizzate ad esempio sono l’A.D.L. (Basic Activities of Daily Living) ed lo S.P.M.S.Q. (Short Portable Mental Status Questionaiere).
    •    E’ stata adottata una modulistica che viene comunque richiesta dalle autorità competenti, sono pertanto stati istituiti i seguenti documenti:

    •    Cartella Personale Ospite
    •    Cartella Sanitaria
    •    Piano Assistenziale Individualizzato
    •    Foglio delle Scariche
    •    Registro Presenze Ospiti
    •    Scale di Valutazione (di cui sopra)
    •    Autorizzazione per l’utilizzo dei mezzi di contenzione (sponde, cinture contenitive ecc.)
    •    Autorizzazione per l’acquisto dei farmaci con relativo impegno per il pagamento

    •    Istituzione del “Comitato Villa Presbitero” Pur non essendo presente, allo stato attuale una figura specifica che si occupi dell’attività di animazione all’interno della residenza, riteniamo doveroso strutturare la Casa di Riposo in modo tale che a questa funzione venga dato il giusto rilievo. 
A tale scopo è costituito il ” Comitato Villa Presbitero” composto da alcuni esponenti delle Associazioni di volontariato operanti in Vogogna, da alcuni membri dell’amministrazione, dalla direzione della struttura, dal parroco, ecc. Scopo del Comitato è stato quello di attivare una serie di iniziative che coinvolgano la Casa di Riposo al fine di aprirla verso l’esterno. 
Diverse sono state le iniziative organizzate in questi anni ( ad esempio tornei di bocce, coinvolgimento dei giovani del paese che ogni venerdì del periodo di vacanza scolastica accompagnano gli anziani al mercato; organizzazione nel mese di spettacoli corali, organizzazione di mostre fotografiche e mostre lavori)

Con gli interventi migliorativi citati nelle pagine precedenti si sono ottenuti due risultati determinanti:
    •    Autorizzazione al funzionamento in regime definitivo. 
Prima dell’anno 2000 l’autorizzazione al funzionamento era stata revocata dalla Commissione di Vigilanza, la quale l’aveva poi concessa in via provvisoria per periodi di tempo limitati. Nel gennaio del 2003 “Villa Presbitero” ha ottenuto dall’ASL l’autorizzazione al funzionamneto definitiva, essendo in possesso dei requisiti richiesti.    

    •    Presenza nella graduatoria delle strutture che possono accedere al convenzionamento.
Nel febbraio del 2002 l’ASL ha inviato un questionario da compilare al fine di poter accedere al convenzionamento. L’Azienda metteva a disposizione per il Distretto dell’Ossola 90 posti per anziani non autosufficienti. I risultati del questionario di valutazione per la qualità sono stati i seguenti:

    •    Casa di riposo comunale di Domodossola: 270 punti
    •    Casa di riposo comunale di Premosello: 246,20 punti
    •    Casa di riposo di Varzo (IPAB): 234,85 punti
    •    Casa di riposo di Montescheno (Cooperativa): 232,05 punti
    •    Casa di Riposo comunale di Vogogna: 231,30 punti
    •    Casa di riposo comunale di Villadossola: 211,00 punti

Purtroppo, a seguito di una decisione arbitraria e impropria dell’ASL 14 (nei confronti della quale l’Amministrazione Comunale ha dapprima avviato una diffida stragiudiziale e in seguito un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale che dovrà esprimersi nelle prossime settimane), nella suddivisione dei posti convenzionati non si è tenuto conto di tale graduatoria, ma di altri criteri che non sono stati resi pubblici dal direttore generale Vannini il evidentemente si ritiene l’unico gestore di risorse pubbliche di questo territorio a non dover rendere conto del proprio operato di fronte ai cittadini e agli amministratori che li rappresentano e che costituiscono il suo organo di controllo e di indirizzo.
L’ASL 14 ha infatti concesso le convenzioni in questo modo:

    •    Casa di Riposo di Domodossola: 20 posti
    •    Casa di Riposo di Premosello: 17 posti
    •    Casa di Riposo di Varzo: 10 posti
    •    Casa di Riposo di Montescheno: 10 posti
    •    Casa di Riposo di Vogogna: 0 posti
    •    Casa di Riposo di Villadossola: 30 posti

Perché queste discriminazioni? 
Quali sono stati i criteri che hanno spinto il direttore generale Vannini a fare una graduatoria alla quale non sono seguite le proporzionali suddivisioni? 
Gli anziani di Vogogna per la nostra ASL sono di serie B rispetto agli altri?

TOTALE INVESTIMENTI CASA DI RIPOSO: € 1.047.043

ATTIVITA’ CULTURALI

Nel corso della legislatura l’Amministrazione Comunale ha concesso patrocinii e sostegno logistico mediante concessione gratuita di strutture museali ed espositive e supporto tecnico a tutte le associazioni del paese che hanno realizzato mostre, iniziative culturali, esposizione, concerti e attività culturale in genere.
Desideriamo nella circostanza ringraziare tali associazioni, che hanno contribuito in maniera decisiva a produrre l’immagine di Vogogna come autentica culla della cultura ossolana e provinciale, punto di riferimento in grado di attirare turisti, visitatori e personaggi di spicco e di rilievo. A fianco di tali attività, l’Amministrazione Comunale ha promosso una serie di manifestazioni che sono state coronate dal successo di pubblico e di critica, e che si seguito elenchiamo.

Anno 1999
 3 e 4 luglio Manifestazione “Vogogna tra Medioevo e Rinascimento”
settembre Mostra fotografica “L’erba e gli elefanti” Gabriele Croppi (Pretorio)
24 luglio Rassegna Teatro di Figura – Laura Kibel

Anno 2000
 Conferenze al Pretorio “Nel terzo millennio con i protagonisti”: 
13 marzo – On. Maria Pia Garavaglia, presidente Croce Rossa Italiana
24 marzo – Suor Paola, di “Quelli che il calcio”…

Anno 2001
 17 maggio – Assemblea Nazionale AVIS 
Mostra “I dipinti delle Ande” dal 29.09 al 04.11.2001
Settembre 1° Rassegna Filmfestival della Montagna 
22 agosto e 11 settembre Concerti settimane musicali di Stresa

Anno 2002
 Mostra ” Luzzati” dal 24.08 al 31.10.2002
23 agosto Concerto Settimane Musicali
Settembre 2° Rassegna Filmfestival della Montagna

Anno 2003
 Mostra “100 scatti per il 2000″ dal 06.07 al 17.08.2003
Mostra ” Ugo Nespolo” dal 26.08 al 31.10.2003
25 agosto Concerto settimane musicali di Stresa
 Settembre 3° Rassegna Filmfestival della Montagna
Dicembre / Gennaio – Mostra internazionale dei Presepi

Anno 2004 
20 e 21 marzo – Giornate F.A.I
27 marzo – 1^ Conferenza Provinciale sul Paesaggio
dal 3 aprile al 2 maggio – mostra fotografica “Montagne d’Antan”
18 aprile – Rassegna Enogastronomia nel Borgo
dal 9 al 30 maggio Concorso pittura “Vogogna in …. Arte”

AMBIENTE

Introduzione del servizio di raccolta differenziata

Il servizio di raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti è stato avviato nel mese di aprile dello scorso anno, allo scopo di migliorare il servizio che fino ad allora era stato gestito attraverso il conferimento spontaneo dei cittadini all’area di stoccaggio temporaneo allestita presso l’area cimiteriale ed attraverso il sistema di raccolta della carta, del vetro e delle lattine con campane a questo destinate.
Il nuovo servizio, oltre a consentire l’eliminazione dei cassonetti e delle campane dalle vie comunali, ha migliorato il servizio di raccolta ed ha consentito un fortissimo incremento della percentuale di raccolta differenziata, giunta a toccare, in alcuni mesi dell’anno ottime percentuali prossime all’80 %. 
L’aspetto urbano del paese senza gli antiestetici cassonetti è indubbiamente migliorato, come come la pulizia e la qualità del servizio di sgombero. Per di più, non dobbiamo più essere il luogo di deposito dei rifiuti dei Comuni confinanti come accaduto in passato.
Su base annua la percentuale si attesta al 70% a fronte di valori prossimi al 23 % accertati negli anni 2002 e 2003, facendo di Vogogna il paese più “riciclone” dell’intera provincia del VCO!

Realizzazione del progetto LIFE NATURA

Aderendo ad un progetto avviato dalla Provincia del VCO, il comune di Vogogna ha ottenuto un contributo dall’Unione Europea per un progetto di rinaturalizzazione dell’asta fluviale del Toce in località Prata e Masone, di mantenimento e miglioramento degli ambiti naturali attorno alla zona del fiume e di salvaguardia della fauna tipica di questo territorio. Importo intervento: € 200.000

Salvaguardia sito storico della Masone

Ai fini di salvaguardare il sito storico della Masone ( che nella zona della galleria per Prata racchiude l’antico porto dei cavalieri di Malta, la strada romana, i manufatti bellici della linea Cadorna) l’Amministrazione Comunale ha proposto alla Soprintendenza per i Beni Artistici ed Architettonici l’apposizione del vincolo, concesso successivamente mediante decreto. Tale vincolo mette in condizioni di salvaguardia l’intera area, ed è la premessa essenziale per ottenere in futuro i necessari contributi per il restauro e la valorizzazione di un pezzo importante della storia vogognese ed ossolana

SVILUPPO AREE INDUSTRIALI E COMMERCIALI ZONA MASONE

Lo sviluppo urbanistico del paese è stato ipotizzato concentrando l’insediamento delle aree produttive all’esterno del centro abitato, allontanando progressivamente le attività produttive dall’interno del reticolo urbanizzato a spiccata vocazione residenziale.
Proprio da ultimo, con l’approvazione di una variante al P.R.G.C. e successivamente con l’adozione del nuovo strumento urbanistico, si è garantito, in accordo con gli imprenditori interessati, l’esodo delle ultime aree produttive e delle due falegnamerie presenti all’interno del paese verso aree più periferiche.
Questo processo di miglioramento della qualità del tessuto urbano è stata possibile soprattutto grazie allo sviluppo dell’area P.I.P. realizzata congiuntamente con il Comune di Piedimulera e dell’area commerciale cuscinetto che si sta sviluppando in località Masone.
L’area P.I.P., che ha consentito la realizzazione di 20 lotti pienamente edificabili, è attualmente occupata da 12 attività che già si sono insediate o che, avendo acquistato i lotti di interesse, si insedieranno prossimamente. 3 lotti risultano attualmente già opzionati e solamente 4 sono ancora attualmente disponibili per la vendita. Si è previsto dunque, nel nuovo strumento urbanistico, lo sviluppo delle aree al confine con il Comune di Premosello Chiovenda.
Si prevede inoltre, lo sviluppo della seconda parte dell’area commerciale in loc. Masone con il rifacimento completo della viabilità della zona e con la realizzazione di una nuova rotatoria all’innesto della S.P. 166 Valle Ossola con la S.S. per la Valle Anzasca. L’area, che di recente si è fortemente sviluppata, ha visto l’insediamento o l’ampliamento di tre strutture ricettive, e di due di carattere commerciale. Prossimamente dovrebbero trovare localizzazione nelle aree urbanizzate una grossa struttura commerciale ed altre attività dello stesso genere ad essa correlate.
Il ciò ha comportato un guadagno per le casse comunale in termini di imposte e tasse, fondi che sono stati reinvestiti tutti nelle opere di viabilità e di miglioramento urbano a Vogogna e a Prata.

URBANISTICA

Approvazione nuovo Piano Regolatore Generale Comunale

Nel corso della legislatura abbiamo lavorato intensamente per rispettare l’impegno assunto nel 1999 di varare il nuovo Piano Regolatore, cosa avvenuta nel corso del Consiglio Comunale del 27 aprile scorso.
La redazione del nuovo strumento urbanistico a avuto avvio nella seconda metà del 1998, con la digitalizzazione di tutte le mappe catastali del territorio comunale, al fine di poter produrre il nuovo strumento su di un supporto flessibile e facilmente consultabile ed aggiornabile, ha attraversato una serie di stesure dovute essenzialmente alla verifica geologica del territorio comunale, all’adeguamento degli studi alle richieste formulate dal servizio geologico della Regione e soprattutto alle modifiche normative introdotte dal P.A.I. (Piano di Assetto Idrogeologico) e successivamente dalla variante a questo, modifiche che hanno costretto l’Amministrazione, in due momenti distinti e successivi, a rivedere pesantemente le prospettive di sviluppo delle aree urbane. 
Lo sviluppo urbanistico del paese è stato previsto, pensando di allontanare le attività produttive dall’interno del reticolo a spiccata vocazione residenziale e liberando, per quanto possibile le aree edificabili all’interno del perimetro già urbanizzato.
Sono così, di fatto, state accolte quasi tutte le richieste di intenti ad edificare, fatte ovviamente salve quelle che si sarebbero localizzate su aree geologicamente non idonee.
Troveranno attuazione 45 nuove aree di completamento e si potranno edificare complessivamente circa 600 nuovi vani ( nella dizione urbanistica del termine ), inoltre si prevede l’espansione commerciale delle aree site in loc. Masone.
Due interventi di ampio respiro e di carattere residenziale – commerciale verranno attuate al fine del recupero urbano delle ex aree produttive dove trovavano sede la ex. “ Falegnameria Malandra “ e l’ex attività di lavorazione lapidea “ Eredi Massimo “, mentre si ipotizza lo sviluppo produttivo delle aree site al confine con il Comune di Premosello, dove è stato frammentato l’attuale Pec al fine di consentirne uno sviluppo organico ma attuabile per lotti.

OPERE PUBBLICHE PROMOSSE DALL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE E REALIZZATE DA ALTRI ENTI

    •    Progetto 2° lotto rio Prata (Comunità Montana Valle Ossola ,anno 2004)
    •    Ripristino arginature fiume Toce (Magistrato per il Po, anno 2001)
    •    Scala di risalita ittica del fiume Toce (Tessenderlo, anno 2003 in corso)
    •    Disgaggio massi in località Masone (Regione Piemonte, anno 2003)
    •    Asfaltatura strada provinciale 166 Valle Ossola in vari tratti del territorio comunale (Provincia del VCO, anno 2003)
    •    Risoluzione problema scarico acque piovane località San Rocco (Provincia del VCO, anno 2000)
    •    Realizzazione rotatoria S.S. 33 (S.A.I.A., anno 2000)
    •    Progetto rotatoria bivio Masone-Piedimulera (Provincia del VCO, anno 2004)
    •    Consolidamento ponte Masone (Provincia del VCO, appalto esperito)

 

 TOTALE INVESTIMENTI ATTIVATI E REALIZZATI NEL CORSO DELLA LEGISLATURA 1999-2004

€ 11.221.043 pari a
£ 21.726.968.000

 

ORGANIGRAMMA COMUNALE 1999-2004

Sindaco:

    • Enrico Borghi

Vice Sindaco:

    • Fausto Giacinto Dotta

Assessori:

    • Marco Zago (con delega all’ambiente e cultura)

    • Felice Spezia (con delega al servizio idrico)

    • Gianni Planca (con delega allo sport e tempo libero)

    • Gruppo di maggioranza (“Lista Civica per Vogogna”)

    • Severino Franzini – capogruppo

    • Stefano Barba – consigliere delegato per Prata

    • Pierluigi Villa – consigliere delegato per scuola ed edilizia scolastica

    • Adolfo Barone – consigliere delegato per l’attuazione lavori pubblici

    • Agata Pizzi – consigliere delegato per anziani e associazioni

    • Daniela De Regibus – consigliere delegato per cultura e ambiente

Gruppo di minoranza (“Alternativa per Vogogna”)

    • Fabio Iacopino – capogruppo

    • Aldo Picchetti – consigliere


    • Giorgio Manini – consigliere (sostituto del dimissionario Stefano Franzini)

    • Mike Passello – consigliere (sostituto del dimissionario Davide Nucera)

Segretari comunali:

    • Dott. Gianfranco Cotugno (periodo 1999-2001)

    • Dott.ssa Antonella Salina (periodo 2001-2003)

    • Dott. Paolo Di Carlo (in servizio)

Responsabili di servizio:

    • Ing. Marco Guatta (ufficio tecnico, edilizia privata, sportello unico)


    • Dott.ssa Simona Brun (bilancio e tributi periodo 1999-2002)

    • Dott.ssa Stefania Napoli (bilancio e tributi in servizio)


    • Francesca Zaretti (affari generali, cultura, turismo, anagrafe e stato civile)

    • Dott.ssa Roberta Giacomini (casa di riposo)

Dipendenti:

    • Geom. Giorgi Fabio (sportello unico)


    • Rag. Paola Franceschetto (ufficio relazioni con il pubblico, anagrafe e stato civile)

    • Alda Bertassi (ufficio bilancio e tributi)


    • Marino Antonini (messo vigile urbano)

    • Bruno Bava (messo vigile urbano fino al 2002)


    • Venanzio Tabachi (autista)
Luigi Garzi (operaio)

    • Alfonso Scarpulla (necroforo)

    • Laura Bianchetti (Adest Casa di Riposo)

    • Maria Di Masi (Adest Casa di Riposo)


    • Stefania Fabiani (Adest Casa di Riposo)


    • Barbara Giampà (Adest Casa di Riposo)


    • Vittoria Gioria (Adest Casa di Riposo)


    • Ester Piroga (Adest Casa di Riposo)


    • Maria Teresa Toscani (Adest Casa di Riposo)


    • Roberta Trattenero (Adest Casa di Riposo)


    • Vincenza Virgilio (Adest Casa di Riposo)

Collaboratori

    • Sabina Perelli (infermiera professionale Casa di Riposo)


    • Stefano Capelli (fisioterapista Casa di Riposo)


    • Marica Del Vescovo (Adest Casa di Riposo)


    • Bernardi Teresa (Oss Casa di Riposo)


    • Anna Maria Napoli (Oss Casa di Riposo)


    • Daniela Botta (ausiliaria Casa di Riposo)

    • Fabiola Salsa (ausiliaria Casa di Riposo)


    • M.Pia Begalli (ausiliaria Casa di Riposo)


    • Pina Carbone (ausiliaria Casa di Riposo)

    • Vittorina Ripamonti (cuoca Casa di Riposo)

    • Sara Rosselli (cuoca Casa di Riposo)


    • Letizia Di Liberto (aiuto cuoca Casa di Riposo)

    • Katiuscia Bionda (aiuto cuoca Casa di Riposo)

 

 

 

Articoli correlati
Lascia un tuo commento