Aree interne montane: il governo proporrà specifico programma alla UE

Aree interne montane: il governo proporrà specifico programma alla UE

Il governo italiano proporra’ alla Commissione Europea, nel negoziato attualmente in corso sul periodo di programmazione dei fondi comunitari per il periodo 2014/2020, l’istituzione di un specifico programma per le aree interne e le zone montane e rurali.

E’ questo l’esito di un incontro tenutosi stamattina a Roma, presso la sede del Ministero dello Sviluppo Economico, tra il presidente dell’Uncem, Enrico Borghi, e il gruppo di lavoro interministeriale che su mandato del Ministro per la coesione territoriale Fabrizio Barca sta lavorando su questo tema all’indomani degli incontri di Domodossola e di Roma dello scorso dicembre.

La bozza di lavoro, su cui si aprira’ il confronto con gli organismi europei, prevede interventi in alcuni settori chiave per la coesione territoriale delle montagne italiane: scuola, sanita’, servizi alla persona, energie rinnovabili, green economy, agenda digitale, agricoltura, manutenzione del territorio, promozione delle attivita’ produttive, cooperazione interistituzionale. Su questo tema, il prossimo 12 marzo il ministero della coesione territoriale e l’Uncem organizzeranno uno specifico forum dei comuni montani italiani, aperto alle esperienze europee su questi temi, per proseguire nel lavoro di costruzione dal basso di questa significativa nuova politica per le montagne.”Esprimiamo grande soddisfazione per questo risultato – commenta il presidente dell’Uncem, Enrico Borghi – che apre la strada ad una nuova e moderna politica per le montagne. In particolare, il lavoro di confronto che abbiamo condotto con il ministro Barca sta producendo risposte concrete, e siamo naturalmente disponibili a continuare nel lavoro”.

 

Articoli correlati
Lascia un tuo commento