Chiusura valichi Svizzera, il Governo convoca l’ambasciatore elvetico

Chiusura valichi Svizzera, il Governo convoca l’ambasciatore elvetico

 

Borghi: “Pronta risposta dell’esecutivo italiano”

L’Ambasciatore della Confederazione Svizzera Giancarlo Kessler è stato convocato d’urgenza alla Farnesina sulla questione della chiusura notturna di tre valichi di frontiera, nonché sulle dichiarazioni che hanno accompagnato la decisione elvetica.

Kessler ha sottolineato al riguardo come si tratti di una misura temporanea e sperimentale, che andrà  presto rivista nel quadro di un ulteriore miglioramento della collaborazione fra forze di sicurezza, alla luce dell’accordo vigente fra le polizie dei due Paesi.

Con l’occasione, da parte italiana è stata nuovamente ribadita la richiesta di pervenire nel più breve tempo possibile al superamento delle procedure di controllo del casellario giudiziario, che si applicano nei confronti dei soli lavoratori transfrontalieri italiani.

Come  riconosciuto da parte svizzera, esse rappresentano una violazione dell’accordo sulla libera circolazione.

L’ambasciatore ha assicurato che da parte elvetica si sta operando per porre un termine a tali procedure, introducendo se del caso misure euro-compatibili.

Sul tema, il deputato ossolano on. Enrico Borghi,  capogruppo Pd in VIII commissione alla Camera, esprime soddisfazione: il Governo Gentiloni è prontamente intervenuto, con una misura  tale da evitare che le ipotesi di chiusura dei valichi con la Svizzera si allarghino, coinvolgendo anche confini come quelli del Verbano Cusio Ossola oggi non contemplati dalle scelte ticinesi. La cooperazione in materia di sicurezza tra Italia e Svizzera è oggi ben regolata da un accordo internazionale che abbiamo ratificato solo un anno fa, per cui è inutile mettere in campo soluzioni di chiusura delle frontiere dannose per l’economia dei territori e la circolazione delle persone avendo già la strumentazione giuridica per affrontare la problematica che sta alla base della misura adottata”.

Roma, 5 aprile 2017

 

Articoli correlati
Lascia un tuo commento