Borghi: “legge regionale di riforma delle Unioni indispensabile per attuazione nuovo codice forestale”

Borghi: “legge regionale di riforma delle Unioni indispensabile per attuazione nuovo codice forestale”

 

“Il nuovo codice forestale rappresenta un punto avanzato che consentirà all’Italia di fare un grande passo in avanti, coniugando il tema della sostenibilità ambientale con quello dello sviluppo sostenibile. Ciò in Piemonte,dove oltre un terzo della superficie è boscata e dove oltre 200.000 ettari sono a superficie cedua oggi abbandonata e in via di collasso, richiama alla indispensabilità di una armonizzazione di questa norma con altri strumenti legislativi vigenti che attendono alla Regione una sua applicazione. Penso alla legge sui piccoli comuni, che affida ai piccoli comuni in forma associata nelle unioni montani la funzione dello sviluppo locale; penso alla Strategia nazionale delle Green Communities, prevista dal Collegato Ambientale e che può consentire programmazione e pianificazione dal basso delle risorse naturali in un’ottica di sostenibilità e valorizzazione delle risorse rinnovabili. Senza una riforma della legge Maccanti, eliminando l’attuale dinamica delle Unioni dei Comuni tutta legata sul “vai e vieni” dei Comuni a seconda dell’esito delle singole elezioni comunali, il Piemonte rischia di rimanere al palo e non essere in grado di applicare normative che -qualora attuate- sono in grado di generare nuovi posti di lavoro in montagna e salvaguardia dei beni collettivi. Il nuovo codice forestale, ad esempio, prevede la surroga della proprietà boschiva assenteista in un quadro di pianificazione: essa deve essere fatta su un comprensorio più ampio della singola dimensione amministrativa comunale, ma non possiamo farla se lasciamo in campo una legge regionale che investe sul litigio tra i singoli Comuni anzichè sulla loro cooperazione. Mi attendo risposte forti e chiare dalla Regione Piemonte, e l’inserimento della riforma dell’associazionismo comunali nell’agenda dei lavori del Consiglio e della Giunta prima della fine della legislatura”.

Lo ha dichiarato l’on. Enrico Borghi, deputato segretario d’aula del Partito Democratico, intervenendo oggi a Torino al convegno sul nuovo codice forestale organizzato da Uncem Piemonte, Confcooperative, Ordine dei dottori Agronomi e Forestali del Piemonte e Mipaaf.

Articoli correlati
Lascia un tuo commento