Il Governo getta la maschera: no ad Odg Borghi per il commissario su SS34 e SS337

Il Governo getta la maschera: no ad Odg Borghi per il commissario su SS34 e SS337
Gusmeroli (Lega) vota contro e Cristina (Forza Italia) assente
Si è tenuta nella giornata di oggi alla Camera dei Deputati la votazione di un Ordine del Giorno a firma del Segretario d’Aula del Partito Democratico On. Enrico Borghi.
Al centro della discussione la proposta dell’on.Borghi di impegnare il Governo, all’interno della discussione sul Decreto Sblocca Cantieri, a prevedere la nomina di un commissario straordinario che si facesse carico dell’avvio e della realizzazione delle opere di messa in sicurezza ed adeguamento della SS34 del Lago Maggiore e della SS337 della Valle Vigezzo.
Dopo la discussione in Aula -nella quale il deputato ossolano ha illustrato l’importanza di accelerare i lavori anche per L valenza di collegamento internazionale delle due arterie – l’Ordine del giorno è stato bocciato dalla maggioranza giallo-verde.
189 i voti a favore (Partito Democratico, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Gruppo Misto), mentre a votare contro è stato il gruppo della Lega (con il parlamentare aronese Gusmeroli), oltre che il Gruppo del Movimento 5 Stelle.
Ancora una volta il cosiddetto Governo del Cambiamento si è dimostrato sordo alle esigenze del territorio del Verbano Cusio Ossola e dei suoi cittadini – commenta il parlamentare ossolano – la proposta di Odg prevedeva l’impegno del Governo a nominare uno specifico commissario che potesse dare una priorità di intervento e quindi sbloccare l’iter e le risorse (stanziate durante il Governo Renzi da Anas e dalla Regione Piemonte sotto il Governo di Sergio Chiamparino) per procedere finalmente con la realizzazione degli interventi sulla SS34 e sulla SS337”.
Hanno gettato la maschera – conclude Borghi – dopo gli annunci roboanti delle scorse settimane e i toni trionfalistici rispetto a quanto avrebbe previsto il Decreto Sblocca Cantieri, oggi la maggioranza Lega-5Stelle ha confermato ancora una volta che l’unica cosa a cui è interessata è il consenso sotto elezioni. Già dal giorno dopo si dimenticano delle necessità dei propri territori.”
L’aspetto ancor più grave della vicenda per il Vco – chiosa in conclusione Borghi – è che per la stessa identica richiesta formulata per la SS36 di Lecco il Governo ha dato riscontro positivo. Evidentemente il Vco per la maggioranza di governo è un territorio del quale ricordarsi solo in campagna a elettorale. Lo spiegheranno loro ai cittadini che Lecco per la Lega è più importante del Verbano Cusio Ossola”.
Articoli correlati
Lascia un tuo commento