Borghi: “I soldi dell’alluvione versati a Torino il 15 Dicembre. Anzichè straparlare, si usino per risarcire i privati”

Borghi: “I soldi dell’alluvione versati a Torino il 15 Dicembre. Anzichè straparlare, si usino per risarcire i privati”
“Ho letto stamane l’articolo su “La Stampa” nel quale si da’ conto della giusta richiesta dei Sindaci della bassa Ossola, che hanno tutta la mia solidarietà, i quali chiedono alla Regione Piemonte di modificare i criteri di risarcimento degli alluvionati e di accelerare la spesa.
Nel replicare loro, il consigliere regionale e capogruppo della Lega Alberto Preioni ha dichiarato “adesso attendiamo il primo stanziamento statale di 15 milioni, che non è ancora arrivato” per poi lanciarsi nella consueta e deresponsabilizzante giaculatoria contro Roma.
Il consigliere non è bene informato. I 15 milioni stanziati dall’Ordinanza del Capo della Protezione Civile n° 710 del 9.11.2020 sono stati versati sul conto corrente della Regione Piemonte in data 11 dicembre 2020, in un unico versamento.
I soldi per i primi risarcimenti, dunque ci sono. Da mesi!  Anzichè straparlare, si usino subito per ristorare i privati danneggiati e ascoltare le proposte dei Sindaci, modificando i criteri per venire incontro alle persone danneggiate.
Così come ci sono, sul capitolo della Protezione Civile, i 100 milioni stanziati nella legge di bilancio 2021 su emendamento del sottoscritto. La si finisca una volta per tutte con il gioco dello scaricabarile, e ci si assuma ognuno la propria parte di responsabilità“.
Lo dichiara in una nota l’onorevole Enrico Borghi, della presidenza Pd alla Camera dei Deputati.
Articoli correlati
Lascia un tuo commento